Erosione dentale e smalto a rischio per i nuotatori

Diversi ricerche degli ultimi anni, hanno riscontrato un aumento della prevalenza di erosione dentale fra coloro che nuotano spesso in piscina, a causa di un pH eccessivamente acido dell’acqua dovuto alle alti percentuali di cloro contenuto in essa. Al contrario di altri fattori estrinseci che inducono erosione a livello superficiale del dente, l’acqua clorata ha un effetto rapidissimo sulla totalità del dente.

Degli studi effettuati su un campione di nuotatori professionisti, testimoniano come già al 27° giorno di allenamento, i denti inizino a risentire della continua acidità e perdano tessuto minerale.

Non potendo avere la certezza che le piscine monitorino e mantengano un livello di cloro adeguato per non essere aggressivo sul dente, possiamo proteggere i nostri denti con tre spruzzi di Cariex prima di entrare in acqua.

L’azione a lento rilascio del Bicarbonato, permetterà infatti a Cariex di contrastare l’azione acida del cloro e rialzare il pH in situazione di neutralità. L’azione di Cariex ha una durata di circa 40 minuti, quindi in caso di allenamenti prolungati, si raccomanda di spruzzarlo più volte nel corso delle sessioni sportive.

2 risposte a “Erosione dentale e smalto a rischio per i nuotatori”

  1. Ezio Calzavara ha detto:

    Interessante: gli articoli di approfondimento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *