Xerostomia: un valido sostituto salivare

 

La secchezza orale è una condizione piuttosto complessa, spesso sottovalutata e soprattutto abbastanza frustante per tutti coloro che ne soffrono. Molto diffusa nelle persone anziane, soprattutto nelle donne, e colpisce un quarto della popolazione. La saliva, gioca infatti un ruolo fondamentale in molti processi: non solo conserva la bocca umida, ma aiuta nella digestione del cibo, protegge i denti dal deterioramento, previene le infezioni controllando i batteri presenti nella bocca e rende possibile la masticazione e la deglutizione.

Questo problema può andare da una lieve riduzione del flusso salivare, come disturbo temporaneo, dovuto principalmente a situazioni di stress o nervosismo, sino a situazioni più complesse di compromissione della salute orale che riguarda sia i tessuti duri che i tessuti molli.

La secchezza della bocca, detta anche Xerostomia, rappresenta solamente il sintomo di una serie di malattie che, a vario titolo, coinvolgono le ghiandole salivari con alterazioni della loro capacità di produrre saliva.

Nonostante non sia ancora stata scientificamente stabilita una relazione tra la riduzione del saliva e l’età, c’è però un evidente legame tra terapie farmacologiche e la mancanza del flusso salivare negli anziani. Diverse patologie inoltre, come la Sindrome di Sjögren, il Diabete, l’Artrite Reumatoide, il Lupus Eritematosus Sistemico, sono associate alla presenza di xerostomia, così come è osservabile nelle persone sottoposte a trattamenti radioterapici. La mancanza di salivazione, diventa problema sempre più pressante che spesso può rivelarsi molto fastidioso per le persone che ne soffrono. Fino ad oggi nessuno dei prodotti sostitutivi della saliva disponibili sul mercato è risultato in grado di controllare efficacemente i sintomi legati alla secchezza orale.

In quest’ottica nasce CARIEX®, sviluppato in collaborazione con l’Università Insubria di Varese. Si tratta di un nuovo spray, utilizzabile in qualsiasi occasione della giornata e anche durante le ore notturne. Il prodotto è a base di bicarbonato, per garantire un ottimo controllo del pH salivare, una lubrificazione delle mucose orali e pertanto un’immediata sensazione di sollievo per coloro che soffrono di xerostomia o iposalivazione.

Il bicarbonato di sodio in bocca si dissolve in acqua e anidride carbonica in presenza di acidità, CARIEX® può quindi essere utilizzato ripetutamente nell’arco della giornata e durante la notte, applicando lo spray sulle mucose orali, senza alcuna controindicazione o effetto collaterale. CARIEX® è inoltre in grado di risolvere i problemi di Micosi (candidosi) e Alitosi spesso associati alla mancanza di salivazione. CARIEX® inoltre, grazie al controllo dell’acidità riduce i fenomeni di carie e di erosione tipicamente osservabili in coloro che soffrono di xerostomia.

CARIEX® è un valido sostituto della saliva. Oltre a riportare il cavo orale a pH neutro, la combinazione con il Xilitolo risulta efficace per contrastare batteri e infezioni. Inoltre, la presenza di Acido Ialuronico, aiuta i processi di guarigione dei tessuti, mantenendo le mucose umettate e riducendo il dolore. E’ facile da usare: bastano solo tre spruzzi quando si ha la sensazione di secchezza e dopo ogni pasto.

© 2016 John Wiley & Sons A/S and The Gerodontology Association. Published by John Wiley & Sons Ltd: “Impact of a sodium carbonate spray combined with professional oral hygiene procedures in patients with Sjogren’s syndrome: an explorative study” – Alessio Gambino, Roberto Broccoletti, Adriana Cafaro, Marco Cabras, Paola Carcieri and Paolo G. Arduino. Department of Surgical Sciences, CIR – Dental School, University of Turin, Turin, Italy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *